Tutti i post in: Religioni e sètte

Spe salvi fortuna iuvat


Pubblicato in Religioni e sètte
20 Gennaio 2008
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Ho in can­tie­re un post sul pol­pet­to­ne ‘Spe sal­vi’, del­la qua­le – man­co a dir­lo – non con­di­vi­do pres­so­ché nul­la. Intan­to, ecco un arti­co­lo lun­go e bel­lo di Gala­ri­co sull’enciclica, tro­va­to in Clerofobia.it:

Il cri­stia­ne­si­mo non ave­va por­ta­to un mes­sag­gio sociale‐rivoluzionario come quel­lo con cui Spar­ta­co, in lot­te cruen­te, ave­va fal­li­to. Gesù non era Spar­ta­co, non era un com­bat­ten­te per una libe­ra­zio­ne poli­ti­ca, come Barab­ba o Bar‐Kochba”.
Lo dice testual­men­te papa Ratzin­ger nell’enciclica Spe sal­vi. Fare le rivo­lu­zio­ni è peg­gio d’una con­dan­na, una sor­ta di male­di­zio­ne divi­na, pro­prio per­ché fal­li­sco­no tut­te!
Per for­tu­na Cri­sto non ha mai chie­sto que­sto ai suoi disce­po­li, alla sua chie­sa. “Ciò che Gesù, Egli stes­so mor­to in cro­ce, ave­va por­ta­to era qual­co­sa di total­men­te diver­so: l’incontro col Signo­re di tut­ti i signo­ri, l’incontro con il Dio viven­te e così l’incontro con una spe­ran­za che era più for­te del­le sof­fe­ren­ze del­la schia­vi­tù e che per que­sto tra­sfor­ma­va dal di den­tro la vita e il mon­do”.
Mira­co­lo! L’uomo schia­vo fuo­ri pote­va diven­ta­re libe­ro den­tro! [segue -> ]

Oggi sei stato/a all’Angelus? Bene. Ora leggi, cazzo, leggi!


Pubblicato in Religioni e sètte
20 Gennaio 2008
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Sì par­lo a te, che oggi sei stato/a tut­ta la mat­ti­na in piaz­za s. Pie­tro a Roma. O in piaz­za Duo­mo a Mila­no, davan­ti al maxi­scher­mo. Tu, che hai pas­sa­to ore in pie­di, fra can­ti, pre­ghie­re, stret­te di mano e slo­gan per la tol­le­ran­za. Tu che hai volu­to dire al San­to Padre «Dove­vi esser­ci, dove­va­no far­ti par­la­re! Ciò che ti han­no fat­to è sta­to ingiu­sto!». Tu che hai applau­di­to quan­do il Papa ha det­to «Andia­mo avan­ti in que­sto spi­ri­to di fra­ter­ni­tà e amo­re per liber­tà e veri­tà, e impe­gno comu­ne per una socie­tà fra­ter­na e tol­le­ran­te», per­ché ci cre­di vera­men­te.
Tu che sostie­ni la vera lai­ci­tà, la liber­tà di paro­la per tut­ti, la neces­si­tà di un fran­co dia­lo­go. Tu che sei con­tro la cen­su­ra, l’oscurantismo, la pro­pa­gan­da, e con­tro la fazio­si­tà, la rigi­di­tà di pen­sie­ro, la durez­za di cuo­re. Sì, tu.

Tu che cre­di in tut­to que­sto, esat­ta­men­te per que­sto, ora dedi­ca 5 minu­ti – ma che dico, ne basta­no 3 – a leg­ge­re l’articolo che segue. Fal­lo per l’obiettività e coe­ren­za che ti appar­ten­go­no, per l’amore del­la veri­tà che pro­vi, per la rab­bia e l’indignazione che giu­sta­men­te que­ste cose ti susci­ta­no. Continua ⋯▸

Adorabili laici ‘intolleranti’


Pubblicato in Cultura e società e Religioni e sètte
18 Gennaio 2008
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Pove­ra pic­co­la inno­cen­te chie­sa, ridot­ta al silen­zio da un mani­po­lo di con­te­sta­to­ri intol­le­ran­ti e vio­len­ti! Così ovvia­men­te è sta­ta let­ta da tan­ti cre­den­ti cat­to­li­ci la noti­zia del­la man­ca­ta visi­ta del papa alla Sapien­za di Roma, e quel che è peg­gio da tan­ti poli­ti­ci e intel­let­tua­li che lai­ci si con­si­de­ra­no.
Ma è anda­ta vera­men­te così? Dav­ve­ro si è trat­ta­to di un attac­co inde­bi­to, di un distor­to sen­so di lai­ci­tà, di ver­go­gno­sa cen­su­ra?

Con­si­de­ran­do che si è trat­ta­to di una *pro­te­sta* (legit­ti­mo dis­sen­so), i cui moti­vi sono *fon­da­ti* (e non ideo­lo­gi­ci), e che la deci­sio­ne di non veni­re è sta­ta pre­sa dal papa stes­so (men­tre in uni­ver­si­tà lo aspet­ta­va­no), chia­ra­men­te NO.
Ma è quel­lo che voglio­no *far­ci cre­de­re*, Continua ⋯▸

La religione come fonte del male: il ‘nuovo ateismo’ e il mio punto di vista


Pubblicato in Ateismo e Umanesimo e Religioni e sètte
12 Gennaio 2008
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

È sta­to defi­ni­to ‘nuo­vo atei­smo’ quel movi­men­to moder­no, di pro­por­zio­ni cre­scen­ti in Ita­lia e nel mon­do, di atei orgo­glio­sa­men­te tali – filo­so­fi, scien­zia­ti, intel­let­tua­li, arti­sti, per­si­no poli­ti­ci, e natu­ral­men­te per­so­ne comu­ni – i qua­li non han­no più pro­ble­mi a dichia­rar­si pub­bli­ca­men­te non cre­den­ti, ed anzi a far sen­ti­re la pro­pria opi­nio­ne attra­ver­so libri, siti web, pro­get­ti, inter­ven­ti, inter­vi­ste e quant’altro.

Non che l’ateismo sia una cosa nuo­va in sé, ma è pro­prio que­sto vocia­re, que­sto sol­le­va­re que­stio­ni sull’etica e la reli­gio­ne, l’aperto rifiu­ta­re la veste di ‘per­so­ne cat­ti­ve’ gen­til­men­te offer­ta dal pre­giu­di­zio reli­gio­so, l’intenzionale atti­vi­tà pub­bli­ca, a far­ne un movi­men­to ‘nuo­vo’ e inno­va­to­re.

Nel 2007, a dimo­stra­zio­ne di come i tem­pi sia­no matu­ri, Daw­kins, Hit­chens, Har­ris, Den­nett, Onfray, D’Arcais, Odi­fred­di, han­no fat­to par­la­re di sé al pun­to che l’ateismo Continua ⋯▸

Babbo Natale VS Gesù bambino


Pubblicato in Ateismo e Umanesimo e Religioni e sètte
4 Gennaio 2008
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Men­tre il papa ricor­da al mon­do – nel mes­sag­gio ‘Urbi et orbi’ del 24 dicem­bre – i suoi gran­di pro­ble­mi, e pro­pi­na la soli­ta, fal­li­bi­le, solu­zio­ne magi­ca (“Solo la ‘gran­de’ luce appar­sa in Cri­sto può dona­re agli uomi­ni la ‘vera’ pace”), gros­so­mo­do evi­tan­do la pole­mi­ca (per l’occasione), il Cor­se­ra da spa­zio a un edi­to­ria­le del­lo scrit­to­re cat­to­li­co Clau­dio Magris, che in sostan­za dice la stes­sa cosa (“Il coro degli ange­li che annun­cia­no glo­ria a Dio nell’alto dei cie­li e pace in ter­ra agli uomi­ni di buo­na volon­tà”), ma con toni deci­sa­men­te più acce­si. Non solo per­ché se la pren­de con.. Bab­bo Nata­le, ma per­ché la sua ana­li­si oltre­pas­sa la faci­le super­fi­cia­li­tà da pre­di­ca nata­li­zia, e pun­ta a una con­dan­na tout‐court del­la socie­tà moder­na non cri­stia­na.

Era già suc­ces­so a don Mari­no Bru­no per Hal­lo­ween, e ora il Magris ripro­po­ne la stes­sa tesi, con gli stes­si argo­men­ti, con la stes­sa seve­ri­tà. E gli stes­si erro­ri. Continua ⋯▸

Fallimento politico nel sociale: per fortuna c’è la Chiesa?


Pubblicato in Religioni e sètte e Politica ed economia
14 Novembre 2007
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

In due recen­ti e distin­te occa­sio­ni (1, 2), gli ono­re­vo­li Udc Casi­ni e Gio­va­nar­di espri­mo­no il mede­si­mo, desta­bi­liz­zan­te con­cet­to. Piut­to­sto irri­ta­ti da chi la cri­ti­ca per le pres­sio­ni poli­ti­che e gli ovvi pri­vi­le­gi eco­no­mi­ci, rin­gra­zia­no la Chie­sa cat­to­li­ca per quel­lo che fa nel socia­le, non accan­to ma al posto del­la poli­ti­ca. Entram­bi ammet­to­no che ad occu­par­si di tali impor­tan­ti que­stio­ni dovreb­be esse­re pro­prio quest’ultima, che però a vol­te “non arri­va” (Gio­va­nar­di) o addi­rit­tu­ra è “spa­ven­to­sa­men­te assen­te” (Casi­ni).
Ma anzi­ché con­si­de­ra­re una col­pa gra­vis­si­ma l’aver rinun­cia­to a un com­pi­to fon­dan­te, e in quan­to poli­ti­ci alza­re il culo per fare subi­to qual­co­sa e por­vi rime­dio, per pro­pria digni­tà oltre che per i cit­ta­di­ni, dove­ro­sa­men­te, i due par­la­men­ta­ri sono più che sod­di­sfat­ti di fre­gar­se­ne, per­ché qual­cun altro sta facen­do il lavo­ro al posto loro: gra­zie a Dio c’è la Chie­sa! Continua ⋯▸

Una moschea in parrocchia? Convivenza.. negata


Pubblicato in Religioni e sètte
10 Novembre 2007
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Come vole­va­si dimo­stra­re: ecco la pron­ta rispo­sta (a que­sto feli­ce epi­so­dio) del­le alte isti­tu­zio­ni cat­to­li­che che tan­ti – don Aldo Danie­li per pri­mo – non rie­sco­no anco­ra a giu­di­ca­re per quel­lo che sono e fan­no.

Repub­bli­ca, 10nov07 – La Dio­ce­si di Tre­vi­so: “Moschea in chie­sa? Non si può fare, il par­ro­co obbe­di­sca”.
Il vesco­vo di Tre­vi­so Andrea Bru­no Maz­zo­ca­to, ha incon­tra­to don Aldo Danie­li, par­ro­co di Pader­no, per ave­re chia­ri­men­ti cir­ca alcu­ne sue dichia­ra­zio­ni ripre­se dai quo­ti­dia­ni di oggi. ”All’interno di un dia­lo­go fra­ter­no e cor­dia­le – si pre­ci­sa in una nota del vica­rio gene­ra­le – don Aldo ha riba­di­to la sua obbe­dien­za al vesco­vo e la pie­na dispo­ni­bi­li­tà a tro­va­re una solu­zio­ne al pro­ble­ma’’.
(…) Pon­za­no Vene­to, regno dei Benet­ton, ha oltre sei­cen­to stra­nie­ri (232 fami­glie, per la mag­gior par­te dell’Africa set­ten­trio­na­le e dell’Est euro­peo) su 11.400 resi­den­ti. Ecco per­ché don Aldo, 69 anni, non si è fat­to pro­ble­mi e ha offer­to le stan­ze (l’oratorio con cuci­na) a cir­ca due­cen­to musul­ma­ni, mol­ti di più duran­te le ricor­ren­ze. “È inu­ti­le par­la­re tan­to di dia­lo­go – ha det­to il par­ro­co – se poi gli sbat­tia­mo la por­ta in fac­cia”.

Vero, è inu­ti­le (e ipo­cri­ta) par­la­re di dia­lo­go, se nei fat­ti le por­te si sbat­to­no in fac­cia.

Com­pli­men­ti alla richie­sta di *obbe­dien­za* e all’ipocrisia con cui si cer­ca di ammor­bi­dir­la. La gerar­chia cat­to­li­ca dia­lo­ga solo in teo­ria, nei fat­ti usa la soli­ta borio­sa auto­ri­tà per distin­gue­re il suo cri­stia­ne­si­mo dai valo­ri uma­ni­sti di rispet­to, tol­le­ran­za, dispo­ni­bi­li­tà, e vero dia­lo­go. Continua ⋯▸

Una moschea in parrocchia, convivenza serena


Pubblicato in Religioni e sètte
10 Novembre 2007
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Bel­la e ori­gi­na­le ini­zia­ti­va di un sacer­do­te del tre­vi­gia­no:

Repub­bli­ca, 9nov07 - Una chie­sa che di vener­dì diven­ta moschea per favo­ri­re l’integrazione reli­gio­sa. E’ acca­du­to a Pader­no di Pon­za­no Vene­to (Tre­vi­so), dove il par­ro­co del­la chie­sa di San­ta Maria Assun­ta, don Aldo Danie­li, ha deci­so di riser­va­re, ogni vener­dì, alcu­ni loca­li del­la par­roc­chia alla pre­ghie­ra e all’incontro degli immi­gra­ti musul­ma­ni.
(…) Negli stes­si loca­li di que­sta par­roc­chia alcu­ne volon­ta­rie, dopo aver avvia­to una col­la­bo­ra­zio­ne con il Cen­tro isla­mi­co di Tre­vi­so e insie­me ad alcu­ne don­ne immi­gra­te, rie­sco­no a far “incon­tra­re cul­tu­re ed espe­rien­ze diver­se, abbat­ten­do i muri dell’incomprensione e dell’intolleranza”.
Ma il lavo­ro com­piu­to da don Aldo Danie­li, del­la par­roc­chia di Pader­no, va ben al di là di una mes­sa a dispo­si­zio­ne dei loca­li. Lo spa­zio inter­no del­la sua chie­sa è ampio ed è sta­to ritrut­tu­ra­to di recen­te. “Per­chè non met­ter­lo a dispo­si­zio­ne di chi ha biso­gno?” si è chie­sto qual­che anno fa. E così ha fat­to. Il pri­mo pas­so è sta­to a favo­re di un grup­po di gha­ne­si di reli­gio­ne pro­te­stan­te. Ogni dome­ni­ca la par­roc­chia vie­ne mes­sa a loro dispo­si­zo­ne per pre­ga­re e segui­re i riti del­la con­fes­sio­ne reli­gio­sa.
Ma far sì che la comu­ni­tà loca­le li accet­tas­se non è sta­to faci­le (…) Le pole­mi­che ci sono sta­te, non tut­ti era­no d’accordo, ma alla fine la volon­tà di fer­ro di que­sto par­ro­co – e lui stes­so si defi­ni­sce uno spi­ri­to “con­tro­cor­ren­te” – ha pre­val­so. “Le alte isti­tu­zio­ni del­la Chie­sa han­no il dove­re di esse­re pru­den­ti – con­clu­de Danie­li – noi inve­ce, che sia­mo degli ope­rai del Signo­re, dob­bia­mo sfon­da­re il muro del pre­giu­di­zio”..

Ecco, que­ste ini­zia­ti­ve mi piac­cio­no mol­to. Con­vi­ve­re sere­na­men­te, non impor­si, non pre­ten­de­re, lascia­re spa­zio sen­za sen­tir­si attac­ca­ti, e pren­der­lo sen­za inva­de­re.. si può. Un bell’esempio di uma­ni­tà, da per­so­ne di grup­pi e fedi così diver­se. Continua ⋯▸

Niente Halloween, brutti mostri!


Pubblicato in Ateismo e Umanesimo e Religioni e sètte
29 Ottobre 2007
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Sul set­ti­ma­na­le geno­ve­se Il Cit­ta­di­no un pre­te tuo­na (let­te­ral­men­te in tema) con­tro il pros­si­mo Hal­lo­ween. Ai suoi occhi que­sta festa gio­io­sa, occa­sio­ne di diver­ti­men­to insie­me, non­ché di tene­re usci­te sera­li (poche, da noi) di bam­bi­ni e ragaz­zi­ni avvol­ti in masche­re pau­ro­se al ter­ri­bi­le gri­do di ‘dol­cet­to o scher­zet­to?’, dal tema tene­bro­so quan­to una zuc­ca svuo­ta­ta e acce­sa, si tra­sfor­ma essa stes­sa in uno dei mostri più ter­ri­bi­li.
Non tan­to per esse­re una festa real­ti­va­men­te nuo­va in Ita­lia, e dun­que ango­scio­sa­men­te diver­sa dal­le nostre tra­di­zio­ni cat­to­li­che. Non tan­to per­ché capi­ta giu­sto pri­ma dei San­ti e Defun­ti e rischia di far pas­sa­re la voglia di veglia ai cre­den­ti più tie­pi­di. E nem­me­no tan­to per­ché, come acca­de anche al Nata­le, è occa­sio­ne di spe­se e dun­que lau­ti gua­da­gni com­mer­cia­li.
Non tan­to per que­sto, no. Continua ⋯▸

La Chiesa si arricchisce coi soldi degli italiani, ma dirlo pare sia peccato


Pubblicato in Cultura e società e Religioni e sètte
27 Ottobre 2007 + edit 29 Ottobre 2007
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Gio­ve­dì scor­so il car­di­nal Ber­to­ne tie­ne una con­fe­ren­za stam­pa sul Con­cer­to di Mor­ri­co­ne pros­si­mo ven­tu­ro. Ne appro­fit­ta per par­la­re del­la recen­te inchie­sta di Repub­bli­ca (bel­la, lun­ga e docu­men­ta­ta) sui costi del­la Chie­sa agli ita­lia­ni. In altre paro­le, c’era da aspet­tar­se­lo, per fare l’ennesima brut­ta figu­ra.

«L’ora di reli­gio­ne è una cosa sacro­san­ta e sono con­ten­to che fami­glie e gio­va­ni la scel­ga­no, per­ché cre­do­no. (…) Finia­mo­la con que­sta sto­ria, non so per­ché Repub­bli­ca ogni set­ti­ma­na si inven­ti que­ste inchie­ste. L’apertura alla fede ver­so Dio por­ta solo frut­ti per la for­ma­zio­ne gio­va­ni­le e per la buo­na con­vi­ven­za del­la socie­tà».

Se ogni 3 fra­si ci sono 6 o 7 scioc­chez­ze come in que­sto caso, e qua­si ogni gior­no se ne pub­bli­ca­no a iosa, com­men­tar­le a dove­re è impe­gna­ti­vo. Devo ammet­ter­lo, fare il blog­ger a vol­te è una rot­tu­ra. Per for­tu­na, in que­sto caso Repub­bli­ca stes­sa ha repli­ca­to alla gran­de, per­ciò lasce­rò a lei la paro­la e me ne andrò a goder­mi il wee­kend. Continua ⋯▸