Due mesi dopo il viaggio del Papa in Usa, qualcosa si muove?


Pubblicato in Cultura e società e Ateismo e Umanesimo e Religioni e sètte e Politica ed economia
4 luglio 2008 + edit 13 ottobre 2018
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Dopo aver pre­so, ad apri­le, il più serio degli impe­gni – impe­di­re che si ripe­ta­no abu­si su mino­ri all’interno del­la chie­sa – final­men­te il Papa pas­sa all’azione. Come pri­ma cosa, andrà a leg­ge­re la bib­bia su Rai 1.

La strenua lotta del papa contro gli abusi dei preti

Ora, a par­te la scon­cez­za di una ope­ra­zio­ne che sa di cate­chi­smo e dispe­ra­ta pub­bli­ci­tà – leg­ge­re la bib­bia (ovve­ro capi­to­li atten­ta­men­te scel­ti di essa) su un cana­le del­la tele­vi­sio­ne pub­bli­ca, sen­za una par­te cri­ti­ca storico‐etica, di pome­rig­gio, met­ten­do a dispo­si­zio­ne uno spa­zio paga­to anche da atei e non cri­stia­ni, i qua­li (ovvia­men­te?) non han­no alcu­no spa­zio a dispo­si­zio­ne a loro vol­ta – c’è da chie­der­si quan­to in real­tà sarà effi­ca­ce. Gli ascol­ti sali­ran­no alle stel­le, ma sareb­be mol­to inte­res­san­te misu­rar­li in rap­por­to alla popo­la­zio­ne ita­lia­na, per vede­re a quan­ti – al di là dei cat­to­li­ci più o meno fer­ven­ti e dei lai­ci devo­ti che sta­ran­no tut­ti ecci­ta­ti davan­ti al video – fre­ghi qual­co­sa anco­ra vera­men­te. Io dico che il 60% ne ha abba­stan­za, ma fos­se anche il 40 o il 30: per­ché que­sti milio­ni di per­so­ne dovreb­be­ro subi­re il mono­po­lio cat­to­li­co?

Il rap­por­to non si farà, faci­le pre­vi­sio­ne, men­tre si sban­die­re­ran­no alla gran­de gli ascol­ti dei soli­ti afi­cio­na­dos. Pazien­za, que­sto tipo di cose non pos­so­no esse­re evi­ta­te, non anco­ra, non diret­ta­men­te. La nostra bat­ta­glia – da lai­ci, atei e uma­ni­sti – assie­me di sicu­ro a per­so­ne di fede (pen­so ai Val­de­si, ad esem­pio, ma anche a cer­ti cat­to­li­ci) è avan­za­re ogni gior­no le nostre ragio­ni e le nostre cri­ti­che, affi­ché non tan­to la poli­ti­ca – la nostra di oggi è in mag­gio­ran­za devo­ta per puro lucro e fac­cia­ta, quin­di fin­ché la chie­sa avrà pre­sa non cam­bie­rà idea – quan­to la popo­la­zio­ne, la gen­te, con­ti­nui o comin­ci a ragio­nar­ci su.

Ovvia­men­te a mio pare­re dovrem­mo far più che pro­te­sta­re, o rischia­mo di toglie­re fidu­cia alla gen­te sen­za ridar­la: dovrem­mo pro­por­re a nostra vol­ta un model­lo posi­ti­vo, una visio­ne di vita eti­ca e pos­si­bi­le, vera­men­te alter­na­ti­va e sen­za dèi. Anticatechismo.it sostiene e pratica l'umanesimo ateo!C’è, si chia­ma uma­ne­si­mo seco­la­re. Noi atei e agno­sti­ci lo vivia­mo, ma non lo fac­cia­mo sen­ti­re, e quin­di man­ca. Le per­so­ne han­no biso­gno di pun­ti di rife­ri­men­to, è giu­sto. Se quel­li buo­ni esi­sto­no, dia­mo­glie­li!
Con­si­de­ria­mo anche l’effetto su poli­ti­ca e la reli­gio­ne: se smet­te­re­mo di pre­sen­tar­ci come i soli­ti atei pole­mi­ci (non è così ma è quel che ne esce) e diven­te­re­mo una for­za orga­niz­za­ta intor­no a una filo­so­fia costrut­ti­va per miglio­ra­re il mon­do, saran­no costret­ti a non snob­bar­ci, e diven­te­re­mo par­te del pro­ces­so di cam­bia­men­to insie­me a loro.

Secon­do tema del post (azz, era nato come sem­pli­ce post di sati­ra.. mi saprò mai trat­te­ne­re? 😉: il papa, le sue dichia­ra­zio­ni pub­bli­che cla­mo­ro­se fra gli applau­si, e.. ciò che poi fa in real­tà. Ricor­da mol­to la poli­ti­ca ita­lia­na di que­sto perio­do, no? Spa­ra­te ad effet­to, per imbo­ni­re la piaz­za. E poi nei fat­ti, nul­la, se non l’opposto. Ebbe­ne, smet­tia­mo­la di fare le vit­ti­me e comin­cia­mo a doman­da­re *con­to* del­le affer­ma­zio­ni che si fan­no: il papa ad apri­le ha par­la­to di pedo­fi­lia nel cle­ro e ha annun­cia­to prov­ve­di­men­ti. Sono pas­sa­ti oltre 2 mesi: COSA HA FATTO? A par­te pre­ga­re per le vit­ti­me, che noto­ria­men­te non ser­ve a un caz­zo, inten­do. COSA INTENDE FARE? E QUANDO?

Ecco: così come tan­ti, in reli­gio­ne e in poli­ti­ca, sono pron­ti all’applauso quan­do si fan­no dei faci­li coup de théâ­tre, dovreb­be­ro esse­re ugual­men­te pron­ti a valu­ta­re i fat­ti con­cre­ti che ne seguo­no. E, sem­mai, a fischia­re.