Errori di ragionamento – Ambiguità

INDIETRO

Gli erro­ri di que­sto tipo sono tut­ti casi in cui il signi­fi­ca­to di una paro­la o di una fra­se è poco chia­ro, equi­vo­co, con­fu­so, dop­pio.
Può acca­de­re in due modi:

A – La paro­la o la fra­se è ambi­gua, cioè potreb­be ave­re più di un signi­fi­ca­to
B – La paro­la o la fra­se è vaga, cioè ha un signi­fi­ca­to incer­to e oscu­ro

Equi­vo­co

Defi­ni­zio­ne
La stes­sa paro­la vie­ne usa­ta in due signi­fi­ca­ti diver­si.

Esem­pi

1. Le azio­ni cri­mi­na­li sono ille­ga­li, e un pro­ces­so per omi­ci­dio è un’azione cri­mi­na­le (in ingle­se stà per ‘pro­ce­di­men­to giu­di­zia­rio su un cri­mi­ne’), dun­que i pro­ces­si per omi­ci­dio sono ille­ga­li (Qui l’espressione ‘azio­ne cri­mi­na­le’ è usa­ta due vol­te con signi­fi­ca­ti diver­si)
2. Il car­tel­lo dice­va ‘Fine (in ingle­se: pedag­gio) per il par­cheg­gio’, e visto che anda­va fine (in ingle­se anche: benis­si­mo), ci ho par­cheg­gia­to!
3. Tut­ti gli assas­si­ni sono inu­ma­ni, dun­que nes­sun assas­si­no è uma­no
4. Un pla­ne (in ingle­se: pial­la) è un attrez­zo da fale­gna­me, il Boing 747 è un pla­ne (in ingle­se anche: aereo), per­ciò il 747 è un attrez­zo da fale­gna­me

Dimo­stra­zio­ne
Pren­di la paro­la usa­ta due vol­te e spie­ga che il signi­fi­ca­to che gli si da nel pri­mo caso non è adat­to al secon­do. Se una paro­la vie­ne usa­ta con un cer­to signi­fi­ca­to, non può cam­biar­lo nel­lo stes­so ragio­na­men­to.

Anfi­bo­lìa

Defi­ni­zio­ne
Si veri­fi­ca un’anfibolia quan­do la costru­zio­ne di una fra­se per­met­te due signi­fi­ca­ti diver­si.

Esem­pi

1. La scor­sa not­te ho col­pi­to uno scas­si­na­to­re in pigia­ma
2. L’Oracolo di Del­fi pre­dis­se a Cro­seo che se aves­se comin­cia­to la guer­ra avreb­be cer­ta­men­te distrut­to un regno impo­nen­te (quel­lo che l’Oracolo non spe­ci­fi­cò fu che il regno distrut­to sareb­be sta­to il suo!)
3. Rispar­mia sapo­ne e con­su­ma la car­ta

Dimo­stra­zio­ne
Pren­di la fra­se ambi­gua e distin­gui i due pos­si­bi­li signi­fi­ca­ti.

Accen­to

Defi­ni­zio­ne
Si sug­ge­ri­sce un signi­fi­ca­to diver­so del­la fra­se enfa­tiz­zan­do­ne una par­te.

Esem­pi

1. È ille­ga­le dare BIRRA GRATIS!!
2. Il luo­go­te­nen­te, volen­do ven­di­car­si del capi­ta­no, scris­se nel suo gior­na­le di bor­do: “Il capi­ta­no oggi era sobrio.” (la pre­ci­sa­zio­ne sug­ge­ri­sce che il capi­ta­no era usual­men­te ubria­co)

Dimo­stra­zio­ne
Met­ti in evi­den­za l’ambiguità del­la fra­se mostran­do i due signi­fi­ca­ti pos­si­bi­li.

INDIETRO

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito! Scroll Up