Associazione Polacca dei Razionalisti: complimenti a chi ha protestato per quell’invito alla Sapienza


Pubblicato in Ateismo e Umanesimo e Religioni e sètte
29 Gennaio 2008
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Non per tor­na­re sull’argomento, ma que­sta Asso­cia­zio­ne di razio­na­li­sti mi ha fat­to ave­re un arti­co­lo posta­to nel­la sezio­ne ita­lia­na del loro sito. Nien­te di nuo­vo per chi si fos­se *real­men­te* inte­res­sa­to già all’argomento, ma mi fa pia­ce­re ripor­tar­lo qui come ulte­rio­re input, e come esem­pio del lega­me di pen­sie­ro e sen­ti­men­to che cor­re fra atei uma­ni­sti e razio­na­li­sti..
Avan­ti insie­me!! 😀

Bene­det­to XVI all’inaugurazione dell’anno acca­de­mi­co all’Università
La Sapien­za

L’Associazione Polac­ca dei Razio­na­li­sti espri­me la sua pie­na soli­da­rie­tà a chi ha mani­fe­sta­to nell’ambiente scien­ti­fi­co e acca­de­mi­co con­tro l’invito del papa Bene­det­to XVI a tene­re una con­fe­ren­za riguar­dan­te la pena di mor­te, in occa­sio­ne dell’inaugurazione dell’anno acca­de­mi­co all’Università La Sapien­za di Roma. Inol­tre espri­mia­mo la nostra rico­no­scen­za agli stu­den­ti e a una par­te dei docen­ti per la deter­mi­na­zio­ne con cui han­no pro­te­sta­to con­tro l’invito al papa.

Rifiu­tia­mo le accu­se di esse­re espres­sio­ne “fon­da­men­ta­li­smo lai­co” e intol­le­ran­za, e di nega­re all’università aper­tu­ra ad ogni con­fron­to. Il papa non è per nien­te inte­res­sa­to ad una aper­ta ed incon­di­zio­na­ta discus­sio­ne sul­le veri­tà che pro­fes­sa. La Chie­sa si occu­pa di pre­di­ca­zio­ne, nel­la qua­le non si met­te in discus­sio­ne la veri­tà e il bene, ma è inve­ce que­sta discus­sio­ne che carat­te­riz­za l’approccio scien­ti­fi­co, la dif­fu­sio­ne del qua­le costi­tui­sce il vero fine dell’agire dell’università. [ con­ti­nua sul sito Racjonalista.pl (in bas­so) ->]

Rac­jo­na­li­sta è la più gran­de asso­cia­zio­ne atea razio­na­li­sta di Polo­nia, in pra­ti­ca una omo­lo­ga del­la nostra gran­de UAAR (Unio­ne degli Atei e degli Agno­sti­ci Razio­na­li­sti).